google-site-verification: google8f794e7ffc2b77cb.html

venerdì 30 settembre 2011

2 ottobre bambini


Parlami, o muro! Scopriamo insieme chi è stato qui prima di noi

leoFestival della Letteratura di Viaggio, Villa Celimontana, domenica 2 ottobre ore 10.00
Anche per i bambini un invito alla scoperta dell’Italia all’interno del Festival della Letteratura di Viaggio
All’interno della prossima edizione del Festival della Letteratura di Viaggio Touring Editore organizza un laboratorio rivolto ai bambini tra gli 8 e i 12 anni. 
A condurlo sarà lo scrittore Francesco Costa, autore della serie Leo pubblicata nel catalogo Touring Junior: unacollana avvincente, fra thriller e fantasy, che porta i lettori a conoscere ogni volta una diversa città italiana.
Protagonista della serie è Leo Corona, 12 anni, un ragazzino come tanti fino alla sera in cui, durante un temporale, un fulmine gli regala un potere speciale: la capacità di comunicare con bambini vissuti in altre epoche semplicemente appoggiando la mano sulla superficie di antichi edifici e monumenti.
Questo pretesto narrativo offre all’autore l’opportunità di raccontare in modo appassionante storia e bellezze artistiche e architettoniche delle varie località italiane dove si svolgono le avventure e gli permette di sottolineare, in modo comprensibile anche per i piccoli, il tema del viaggio e della memoria.
Nel corso del laboratorio Costa stimolerà i bambini al ricordo e al contributo personale chiedendo “Che cosa sapete dei vostri nonni? E dei bisnonni? E degli antenati? E della vostra città? E dell’Italia? E se i muri parlassero? E se dentro i muri ci fossero bambini che vi hanno preceduto nel tempo?”.
In questo modo arriverà a parlare con loro delle suggestioni legate alle persone che ci hanno preceduto in un certo luogo e in un certo tempo e di quanto la conoscenza di eventi passati e di luoghi vicini e lontani sia preziosa.
La formula è stata sperimentata nelle occasioni più varie - nelle scuole come al Festival Minimondi di Parma e al Salone del Libro di Torino - e la risposta dei partecipanti è sempre stata elettrizzante.