google-site-verification: google8f794e7ffc2b77cb.html

mercoledì 18 gennaio 2012

dal 19 al 22 gennaio presso l'Auditorium Parco della Musica Al via il VII Festival delle Scienze


Al via il VII Festival delle Scienze

  La mente, l'uomo, l'universo, la fine del mondo. Sono solo alcuni degli affascinanti temi affrontati nelle passate edizioni dal Festival delle Scienze, giunto quest'anno alla settima edizione - dal 19 al 22 gennaio presso l'Auditorium Parco della Musica - con un altrettanto avvincente tema: il tempo.
Forte delle 18mila presenze raggiunte nella passata edizione e guidato ancora saldamente dalla direzione scientifica di Vittorio Bo e Telmo Plevani, il Festival delle Scienze si presenta come uno tra gli eventi più acclamati organizzati nell'ambito del Parco della Musica, capace di coniugare culture e pubblici diversi unendo molteplici modelli di intrattenimento, ricerca, attualità.
Esempio ideale di forme diverse di comunicazione,  anche l'edizione 2012 punta la sua carta vincente sull'alta divulgazione di un tema affascinante, il tempo, declinato all'insegna della multidisciplinarietà. Va così che all'interno del ricco programma della quattro giorni dal giovedì alla domenica si alterneranno alcuni dei pensatori - fisici, antropologi, astrofisici, psicologi, filosofi, scrittori, musicisti - più innovativi e celebri del nostro contemporaneo: conferenze, lectio magistralis, dibattiti, reading musicali, concerti e proiezioni cinematografiche oltre ad un percorso appositamente realizzato per le scuole.
Ad inaugurare il programma di conferenze del festival, giovedì 19 alle 19 sarà l'astrofisico scrittore e poeta francese Jean Pierre Luminet, esperto di fama mondiale di cosmologia e buchi neri. Tra gli intellettuali presenti nel corso della manifestazione l'antropologo Ian Tattersall (lectio magistralis sabato 21) che parlerà del tempo profondo dell'evoluzione, il fisico britannico Julian Barbour (domenica 22) che ha teorizzato la fine del tempo, Ned Markosian - professore alla Western Washington University - che affronterà il tema "E' possibile viaggiare nel tempo?" (venerdì 20 alle 16,00)  e John Richard Gott III nella lectio magistralis "Il viaggio nel tempo nell'universo di Einstein" (domenica 22 alle 12,00).
Nutrita la schiera dei giovani ricercatori italiani invitati all'interno della manifestazione, rappresentati di una generazione in crescita; un nome su tutti Giovanni Amelino Camelia che sulle diverse nozioni del concetto di tempo interverrà nell'incontro "Una breve storia del tempo: prima durante e (forse) dopo Einstein" (sabato 21 alle 17,00).
Come sempre il festival si esprime attraverso varie forme: il senso del tempo e del suo scorrere sarà dato anche dal reading musicale di Stefano Benni "Che ore sono", accompagnato al piano da Umberto Petrin (giovedì 19 alle 21), dal video-concerto "Three tales" - video di Beryl Korot, musiche di Steve Reich - interpretato dalla PMCE Parco della Musica con la direzione di Tonino Battista (venerdì 20 gennaio ore 21,00), mentre dalle 18,00 di sabato 21 fino alle 18,00 di domenica 22 nello spazio Risonanze avrà luogo la performance no stop "Vexations 24 ore di musica perpetua" di Erik Satie.
E poi installazioni, video-installazioni. Anche questa edizione del Festival siamo certi non mancherà di affascinare il suo pubblico.

Info

Festival delle Scienze VII edizione - dal 19 al 22 gennaio 2012
Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro de Coubertin - Roma


Gli eventi (ad eccezione degli spettacoli) sono a pagamento al costo di 2 euro
Per info su costi e prenotazioni: